Categoria: Comunicazioni

Ceriscioli ha incontrato D. Mazzanti ct nazionale vicecampione del mondo e F.Pasquali arbitro della finale dei Campionati del Mondo Maschili 2018

All’ottavo piano della sede della Regione c’è stato l’incontro con  i due marchigiani noti al mondo dello sport, alla ribalta nelle pagine sportive degli ultimi giorni: Davide Mazzanti e Fabrizio Pasquali. Reduce dal Giappone, il primo è l’allenatore della nazionale di volley femminile che ha vinto l’argento; arbitro della finale dei Campionati del Mondo Maschili 2018 il secondo che è stato nominato nuovo Responsabile Arbitri Serie A dall’ultimo Consiglio Federale. “Orgogliosi di loro” ha detto il presidente della Regione, Luca Ceriscioli, accogliendoli insieme a Fabio Luna, presidente del Coni Marche e Franco Brasili, della Federazione italiana pallavolo Marche: “Poniamo grandissima attenzione allo sport, oggi lo possiamo rappresentare in tutte le forme con la figura dell’allenatore e dell’arbitro, segno di una regione che crede nello sport come fattore di crescita, di sviluppo, importante per la salute. Oggi è un’altra occasione per lanciare messaggi positivi su questa grande opportunità che abbiamo nella vita grazie allo sport e grazie a figure che con il loro impegno e capacità hanno raggiunto i massimi livelli”. Rivolto a Pasquali e Mazzanti il presidente ha aggiunto: “Rappresentate la passione per lo sport dell’intera regione. Con il vostro impegno testimoniate i valori sportivi e offrite un bellissimo esempio ai giovani di come i traguardi della vita si possano raggiungere con dedizione e coinvolgimento. Nel vostro impegno quotidiano c’è il senso del gioco di squadra, dell’aggregazione, della solidarietà e correttezza nei confronti della squadra avversaria. Valori che valgono tanto nello sport e che sono tutto nella vita della comunità”. Il volley nelle Marche è al top con 16.300 praticanti di cui 10.153 sono donne, è la prima regione d’Italia a penetrazione sul territorio con un praticante ogni cento abitanti. “Voi ci aiutate a creare un sano rapporto di entusiasmo, di promozione di tutti gli sport. Siete esempio di buon senso, educazione e passione” ha detto Brasili. Per Fabio Luna i due rappresentati di oggi sono la dimostrazione di quello che lo sport marchigiano sta portando avanti in tutte le componenti. “Due persone che hanno dato lustro alle Marche regalandoci emozioni incredibili”. Davide Mazzanti è il commissario tecnico della nazionale italiana femminile di pallavolo  nato a Fano il 15 ottobre 1976. “L’ambiente dove sono cresciuto è stato determinante – ha detto Mazzanti – la mia è stata una formazione fortunata, devo tanto al luogo dove sono nato e ne sono orgoglioso”. Ha iniziato la sua carriera da allenatore nel 2002 con la Pallavolo Corridonia, per passare poi nel 2004 alla Star Falconara. Dalla giovane età ha collezionato tantissime vittorie. Ha vinto uno scudetto con il Volley Bergamo, nella stagione 2010/2011; altro scudetto nella stagione 2015/2016 con il Conegliano e l’ultimo nella stagione 2016/2017 con l’Imoco volley. Ha vinto due Supercoppe, la prima nella stagione 2010/2011 con il Volley Bergamo, e la seconda nella stagione 2016/2017 con l’Imoco volley. È diventato coach della nazionale azzurra nel maggio del 2017. Con lui come coach le ragazze hanno conquistato la finale dei Mondiali 2018. Match disputato sabato 20 ottobre contro la Serbia per affermarsi vicecampioni del mondo con la medaglia d’argento. Tra gli otto milioni di spettatori incollati alla tv per la finale del Mondiale di volley femminile c’era anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che nei giorni scorsi ha incontrato al Quirinale le azzurre accompagnate dal loro coach, incontro che lo ha emozionato tantissimo “ci siamo accorti di aver raggiunto il cuore degli italiani". “Dalla palestrina di Ascoli al tetto del mondo” per l’arbitro marchigiano Fabrizio Pasquali, fra i migliori a livello internazionale, ha diretto in tutti i continenti le più importanti manifestazioni di volley sia a livello di Nazionali che di club. Classe ’67, di Ascoli Piceno, Pasquali è stato nominato nell’ultimo Consiglio Federale nuovo Responsabile Arbitri Serie A. “L’arbitro deve brillare nella propria assenza” e “L’arbitro bravo è quello che esalta i veri protagonisti” sono le frasi di riferimento per Pasquali che ha arbitrato la competizione maschile di settembre 2018 che ha visto l’Italia come nazione ospitante insieme alla Bulgaria. Pasquali si è già distinto in passato per aver fatto parte degli arbitri designati per le Olimpiadi di Rio 2016 e per svariate competizioni continentali. E’ stato uno dei direttori di gara dei match delle Final Six di Lille della Volleyball Nations League Maschile. “La mia regione esprime eccellenze assolute nello sport, ricercate nel mondo” ha detto con orgoglio.

Ceriscioli incontra Mazzanti

Oggi Mercoledì 31 Ottobre alle ore 15,30 all’ottavo piano di Palazzo Raffaello, sede della Giunta regionale delle Marche, ad Ancona, il presidente Luca Ceriscioli incontra Davide Mazzanti, l’allenatore della nazionale femminile di pallavolo recentemente rientrata dal Giappone dove si è distinta per risultati e gioco davvero straordinari, e Fabrizio Pasquali, arbitro della finale dei Campionati del Mondo Maschili 2018. Entrambi, il ct della nazionale vicecampione del mondo e il ‘fischietto’ dalla carriera internazionale, sono marchigiani, Davide Mazzanti di Marotta. Presenti, anche  Fabio Luna, presidente del Coni Marche e Franco Brasili, Federazione italiana pallavolo Marche.

7 Ottobre 2018 – Festa del Nonno a Marotta e Mondolfo

Domenica 7 Ottobre organizzata dal Comune di Mondolfo, assessorato ai Servizi Sociali, in collaborazione con le associazioni del territorio Bocciofila, Avis, Avulls, Auser, Croce Rossa di Marotta, Proloco TreColli e Proloco Marotta,  si svolgerà  la “Festa del Nonno” a Mondolfo c/o il Centro Socio Sportivo “Giovanni Paolo II” di Centocroci,  a Marotta alla Sala Pierino Ciriachi (vicino al Bocciodromo comunale). Ricco il  programma per festeggiare la figura dei nonni, alle ore 11 funzione religiosa,  alle ore 13  pranzo sociale e il pomeriggio tanta musica  balli e canti. Come consuetudine doppia festa a Mondolfo e a Marotta per i nonni,  possono partecipare al pranzo sociale anche gli accompagnatori degli anziani di età inferiore ai 65 anni e per gli  anziani sprovvisti di mezzo di trasporto o senza familiari disponibili ad accompagnarli, l' Uffico Servizi Sociali del Comune di Mondolfo mette a disposizione un mezzo di trasporto, gli interessati possono  telefonare allo 0721 93 92 22    

Nonno ASCOLTAMI !

Il Comune di Mondolfo (assessorato ai Servizi Sociali) ha aderito all’iniziativa nazionale sociale lanciata dall’Associazione Onlus “Nonno ascoltami - Prevenzione in Comune” - campagna dedicata al controllo gratuito dell’udito per i cittadini ultra 60enni. Oltre 4.000 le persone interessate che si vedranno recapitare personalmente l’invito al controllo preventivo in una delle 13 date concordate. I controlli dal 25 Settembre si ripeteranno il 2 Ottobre dalle ore 9 alle ore 12.30  c/o  Salone Aurora- Complesso Monumentale di Sant’ Agostino - Mondolfo,  il 27 settembre, il  5 e 6 ottobre, stesso orario c/o Sala Pierino Ciriachi a Marotta, dove gli interessati potranno effettuare gratuitamente la misurazione dell’udito residuo, con tecnici specializzati, nel rispetto della privacy e senza nessun tipo di vincolo commerciale. Ulteriori date sono in fase di programmazione per poter raggiungere la totalità dei cittadini ultra 60enni residenti nel territorio.  

Buona Domenica – L’equinozio d’autunno quest’anno cade il 23 settembre 2018, ore 3:54

L'equinozio d'autunno quest'anno cade il 23 settembre 2018, ore 3:54 La discrepanza tra l'inizio convenzionale dell'autunno - il 21 settembre - e l'avvio della stagione astronomica ha a che fare con la differenza, reale, tra l'anno tropico (o solare) su cui si basa il calendario gregoriano, e l'anno siderale (la durata dell'orbita della Terra attorno al Sole), che non è un "numero intero": è invece di 365 giorni, 6 ore, 9 minuti e 10 secondi. Per praticità, il nostro calendario conta 365 giorni, lasciando fuori, ogni anno, un po' più di sei ore: un ritardo che si ripercuote anche sulle date di equinozi e solstizi e che si recupera, ogni 4 anni, con l'aggiunta di un giorno a febbraio (l'anno bisestile). Per questo motivo, e fino al 2020, l'equinozio di autunno cadrà tra il 23 e il 22 settembre (mentre quello di primavera sarà, fino a quella data, il 20 e non il 21 marzo).